info@cuoridinchiostro.it

L’onda – Todd Strasser

L’onda – Todd Strasser

L'onda - Todd Strasser

L’onda, di Todd Strasser, viene spesso classificato come libro per ragazzi. In realtà è molto di più. La vicenda narrata da Todd Strasser ne L’onda mostra come sia facile replicare anche oggi i più crudeli totalitarismi che hanno caratterizzato il 1900.

Come spiegare i regimi totalitari a ragazzi delle scuole superiori?

Il protagonista di L’onda, di Todd Strasser, è Ben Ross, il professore di storia di una scuola superiore di Palo Alto. Lo conosciamo all’alba di una sua lezione, in cui mostra ai suoi allievi un documentario sugli orrori perpetrati dai Nazisti. Le domande degli allievi sono tipiche di qualunque giovane di oggi. Chi erano i Nazisti? Ed Hitler? Com’è stato possibile che un’intera nazione seguisse delle idee così folli? Perché nessuno si è opposto né ribellato? Com’è stato possibile che idee così scellerate prendessero piede? Ben si porta queste domande a casa, confrontandosi anche con la moglie, sua collega a scuola. Decide così di non dare ai ragazzi risposte pre-confezionate, ma di proporre loro un esperimento. Forma in classe un movimento, L’Onda, con delle regole, tra cui:

  • salutare i membri dell’Onda con il saluto stabilito insieme;
  • rivolgersi a Ben chiamandolo signore;
  • essere dotati di disciplina e rigore e senso di comunità.

L’onda di Todd Strasser: dall’esperimento alla realtà

Quello che è nato come una specie di lezione alternativa, e che tale sarebbe dovuto rimanere, esce però ben presto dai confini dell’aula. Si forma così un gruppo di allievi affiatati che si rivela un branco violento e repressivo. Chi non appartiene all’Onda o “osa” criticarla viene emarginato, umiliato e picchiato. Perfino per entrare allo stadio scolastico occorre essere “accreditati” e salutare “i guardiani” con il saluto dell’Onda. Tra le altre cose, Ben viene anche dipinto come una specie di leader intoccabile e supremo: l’Onda gli assegna perfino delle guardie del corpo.

L’Onda di Todd Strasser, oltre ad essere interessante in quanto tratto da una storia vera, lo è per la lezione che insegna. La vicenda narrata da Strasser infatti è un esempio evidente di come la Storia può ripetersi. Non sono soltanto gli episodi rosei e positivi a replicarsi, ma anche (e, forse, soprattutto) quelli più crudeli e bui, in cui la natura umana ha toccato il suo fondo.

L’onda di Todd Strasser: siamo sicuri sia solo un romanzo?

Se pensiamo al periodo storico che stiamo vivendo ora, siamo sicuri di essere così lontani dal principio di un regime totalitario? Siamo sicuri di vivere in un’era che ha fatto tesoro degli errori del Novecento? Che ne dite del razzismo? E’ confinato e terminato con la fine della Seconda Guerra Mondiale, in Europa? Che ne dite di come viene trattato l’immigrato? Facciamo distinzioni, purtroppo, anche tra di essi. Risultiamo poco accoglienti (anzi, la nostra nazione, o meglio il nostro governo non lo è) con i naufraghi, solo perché provengono da nazioni che, per qualche strano motivo che ignoriamo perfino noi, non ci piacciono. Sbarriamo gli occhi e le coscienze di fronte a persone che affrontano ogni tipo di sopruso e violenza per cercare una speranza di vita. Noi emigriamo per cercare una vita migliore. Ci dimentichiamo però che esistono persone che devono emigrare per sperare di avere una vita.

Potete trovare L’onda di Todd Strasser, edito da Rizzoli, qui. Potrete anche essere interessati alla sua trasposizione tedesca per il grande schermo (doppiata in italiano, ovviamente). Troverete quest’ultima qui. Film e libro sono rispettivamente una visione ed una lettura che ognuno di noi dovrebbe fare, per ricordarci sempre delle nostre responsabilità in quanto cittadini del mondo. La lettura di L’onda, di Todd Strasser, può essere anche un modo per affrontare tematiche profonde con i più giovani.

Cosa leggere oltre L’onda?

Altri libri che potreste trovare interessanti e di cui abbiamo già parlato possono essere:

I tre libri possono essere letti da/con ragazzi. Ognuno di essi affronta un particolare orrore della prima metà del secolo scorso. La vita è bella pone l’attenzione sull’estrema emarginazione e sfruttamento del prossimo da parte di regimi totalitari, solo perché etichettato come “diverso” o “non utile”. Il gran sole di Hiroscima invece mostra la natura umana in tutta la sua crudeltà.

Hai dei suggerimenti di letture che affrontano argomenti simili? Lascia un commento!


Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:

 

Una risposta.

  1. ciao ha detto:

    Esiste anche un film tedesco basato su questo libro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *