info@cuoridinchiostro.it

Le Montagne della Follia – Howard Phillip Lovecraft

Le Montagne della Follia – Howard Phillip Lovecraft

Le Montagne della Follia - Howard Phillip Lovecraft

Eccoci di fronte all’unico tentativo dell’autore di scrivere un romanzo completo. Le Montagne della Follia di Howard Phillip Lovecraft come titolo a sé stante non riesce a brillare appieno. Risulta invece decisamente ben più apprezzabile se si riesce a cogliere l’aria impregnata dell’universo che l’autore si è creato intorno, grazie al Necronomicon.

Cosa celano le montagne dell’Antartico?

Le Montagne della Follia è una storia raccontata dalla prospettiva del geologo William Dyer. Egli, insieme al suo studente Danforth ed un’equipe di altri tecnici dell’università del Massachussets, si avventura nell’Antartico per studiare una catena montuosa, mai registrata sulle carte, alta addirittura più del monte Everest. Montagne ghiacciate che nascondono qualcosa tra le loro guglie.

Celato da nebbie glaciali e aloni di mistero si trova un altopiano, con in grembo una città inondata di simboli, simmetrie e segreti innominabili che faranno arrovellare e perdere il senno agli esploratori. Il romanzo vuole avere un aria fantascientifica più che horror, caratterizzata da un lessico tecnico e dall’esposizione maniacale nel descrivere i vari fenomeni geologici. La scrittura sembra quasi voler distogliere l’attenzione da una sequenza dei fatti un po’ semplice e lineare. Tale sequenza di fatti è però arricchita dall’eleganza dell’autore nel descrivere quelle ambientazioni opalescenti e maledette, che rendono l’aria inconfondibilmente sinistra.

Insomma, Le Montagne della Follia è uno di quei titoli che rimane in un limbo, a metà tra il genio e l’ovvietà, ma di una cosa si è sicuri. Arrivati sul finale vi chiederete: chissà cosa avranno mai visto Dyer e Danforth?

Letture simili a Le Montagne della Follia, di Howard Phillip Lovecraft

Le Montagne della Follia di Howard Phillip Lovecraft non è il primo romanzo horror di cui parliamo qui su Cuori d’inchiostro. Come non dimenticare Dracula, di Bram Stoker, o Frankenstein, di Mary Shelley? Possiamo anche citare Storie per chi non vuol dormire, di Esteban Labruna: una raccolta di creepypasta impreziosita da una cornice decisamente inquietante.

Se invece ad attrarvi maggiormente è laspetto fantascientifico di Le Montagne della Follia, allora potrete trovare di vostro gradimento Il trattamento D, di Nancy Kress. Sebbene non sconfini nell’horror, leggendolo vivrete un senso di inquetudine che forse non riuscirete a spiegare nemmeno a voi stessi. Possiamo anche citare il primo Libro del mese, K-PAX di Gene Brewer. Quest’ultimo si muove in equilibrio quasi perfetto tra due generi nettamente distinti: quelli del romanzo psicologico e della fantascienza. Un altro romanzo fantascientifico, ma dall’atmosfera decisamente più felice ed allegra, è Ritorno al Futuro, di George Gipe, che vi consigliamo caldamente.

Varie edizioni: quale scegliere?

Le Montagne della Follia di Howard Phillip Lovecraft è pubblicato da varie case editrici. Potete trovare qui l’edizione edita da Il Saggiatore, nelle versioni cartacea, cartacea con copertina rigida ed e-Book. Qui invece sono disponibili le edizioni edite da Magic Press: cartacea, digitale e fumetto. In questa pagina, invece, le edizioni cartacea e digitale di Edizioni Clandestine.

E tu? Hai già letto altre opere di Howard Phillip Lovercraft? Cosa ne pensi? Hai letto anche Le Montagne della Follia? Facci sapere se ti è piaciuto, e perché!


Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *