info@cuoridinchiostro.it

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

Funziona nella città di ...: Giorno Cinque - Gilberto Cavallina

Funziona nella città di … (si legge Trepunti, anche se i tre puntini non vanno pronunciati, così insegnano a scuola): Giorno Cinque è l’ultimo capitolo della storia di Gilberto Cavallina. Come forse sapete già, se avete almeno letto i nostri articoli precedenti, l’ingenier Funziona alloggia in un Hotel piuttosto particolare: ogni piano ha un numero diverso di stelle! Quindi, tecnicamente, è un hotel a tre stelle di media. Voi direte, basta chiedere una stanza al quinto piano, per avere una stanza a cinque stelle. Purtroppo (o meglio, per fortuna) non è così semplice. Bisogna trovare il modo di salire al piano superiore, cercando la chiave di ogni piano. Questo comporterà tantissimi incontri.

Nelle puntate precedenti

Durante il Giorno Uno abbiamo conosciuto Max, Falco e Pensopiano e alla sera abbiamo mangiato alla trattoria L’ultimo cucchiaino, facendo la conoscenza del cuoco Zen Zero. 

Iniziamo il Giorno Due al Bar Aeroporto in stazione, con una barista un po’ distratta, e ritroviamo gli amici di ieri. Intanto iniziamo a scoprire qualcosa sull’hotel. 

Il Giorno Tre trascorre all’insegna della scoperta della città di …, tra Università, torri e osteria. 

Durante il Giorno Quattro abbiamo scoperto perché l’osteria L’ultimo cucchiaino si chiama proprio così e anche qual è il nome dell’Hotel.

Funziona nella città di …: Giorno Cinque di Gilberto Cavallina

Il quinto giorno è l’ultimo che Funziona trascorrerà nella città di … O perlomeno questo è quello che crediamo, dal momento che oggi raggiungerà il quinto piano dell’hotel in cui alloggia… Ciò ci fa affrontare la lettura con un velo di tristezza. Ci stiamo quasi preparando a salutare un caro amico, con l’incertezza di quando e dove sarà il prossimo incontro.

Il risveglio avviene nella camera del quarto piano, conquistata il giorno precedente. Funziona vorrà, ma soprattutto riuscirà, ad ottenere la chiave per la camera a cinque stelle? Non lo sappiamo ancora. Ciò che sappiamo è che la mattinata inizia con una decisione: godersi la giornata, senza pensare alla chiave da trovare. Così, si reca anche oggi al Bar Aereoporto, per la colazione. Del resto, è ormai un habitué. Troverà qui due sorprese: la prima è che la barista distratta non c’è più. La seconda è che conoscerà il Sindaco della città senza rendersene conto. Un uomo piuttosto particolare, infatti, usa scrivere sul retro degli scontrini idee e annotazioni, nonostante faccia abbastanza confusione nell’utilizzo delle parole. Perché? Da cosa deriva questa sua peculiarità?

E dopo la colazione?

Uscito dal bar, Funziona aiuta a risolvere un problema di insegne, per poi ritrovarsi nella libreria Noileggiamo” (perché si chiama così?) dove incontrerà qualcuno di nostra conoscenza. 

Dopo esserne uscito con un libro, Funziona torna in hotel e scopre (e noi con lui) come Max ha ottenuto il lavoro di portiere. Tornerà poi a dedicarsi alla ricerca della chiave per il quinto piano. La soluzione arriverà grazie al riposo nella stanza relax: quale sarà? Vi lasciamo una citazione come indizio:

E’ strano come alle volte, pur avendo la soluzione sotto gli occhi fin dall’inizio, ci serva tutto un gran percorso per rendercene conto.

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

Di nuovo a L’ultimo cucchiaino?

Prima di scoprire quale sia la sua nuova stanza a cinque stelle (siete curiosi di come si chiama la stanza?), Funziona si reca a un appuntamento che non sapeva di avere. E dove, se non a L’ultimo cucchiaino? Con chi avrà appuntamento? Zero, intanto, porta al tavolo un piatto in tre tempi: “Tagliatellatu con dita, morso contorno, boccone con posate”. Che piatto sarà? Come si mangia? Intanto, scopriremo una storia molto curiosa che coinvolge i proprietari del ristorante, ma non solo.

Alla scoperta della città con una guida d’eccezione

Nel pomeriggio ci aspetta la visita della città con il Sindaco: scopriremo allora, insieme a Funziona, tante cose sulla città di …

E se davvero il futuro è così instabile», gli chiedo, «che cosa dovremmo fare?

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

Durante questo giro, però, la cosa sorprendente è che scopriremo qualcosa di importante sul nome di Funziona e sul perché la città di … si chiama proprio così.

Essere buoni, con noi stessi e con gli altri. Il resto viene da sé.

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

La sera tra cena, Accademia, locali senza nome

Dopo il pomeriggio trascorso, ecco che arriva il momento della cena. Dove andrà a mangiare Funziona? Con chi? E dopo cena, come concludere una giornata piena se non con una partita a carte nel locale senza nome della città di …? 

La giornata di Funziona si conclude con la scoperta della sua nuova stanza. Come sarà?

Ed ecco che arriva la fine, che coincide con l’inizio di una nuova giornata, che porterà a una nuova consapevolezza e alla scoperta di un nuovo posto per un finale molto emozionante.

Le cose migliori non finiscono alla fine.

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

Tutte le cose belle giungono alla fine

Abbiamo accompagnato l’ing. Funziona alla scoperta della città di Trepunti e dell’hotel stesso. Si tratta di un addio ad entrambi (città e Funziona)? O solo di un arrivederci? Noi di Cuori d’inchiostro speriamo vivamente di incontrare di nuovo quello che è diventato oramai un caro amico. Per ora, vogliamo salutarlo così:

Tutte le cose che finiscono ti danno un po’ di dispiacere, ma d’altra parte se non finissero mai non sarebbero altrettanto interessanti.

Funziona nella città di …: Giorno Cinque – Gilberto Cavallina

Perché ci siamo innamorate della serie e del suo autore?

Come speriamo avrai già letto, abbiamo inaugurato la sezione di Cuori d’inchiostroIncontri con l’autore” proprio con Gilberto Cavallina, autore di questa serie “Funziona nella città di …“. La motivazione principale è stata proprio quella di conoscere chi, così abilmente, ha creato un universo solo apparentemente rivolto ai più piccini. L’universo in cui vive Funziona è un po’ il mondo in cui, in fondo, molti di noi vorremmo vivere: in cui è lecito essere “diversi”, o meglio peculiari. Ognuno a suo modo. In cui va bene non eccellere in ciò che si fa, ma ci si butta lo stesso alla scoperta dell’ignoto. 

Da Funziona ad ognuno di noi, passando per Tina: un filo comune?

Quanto esposto poc’anzi è un po’ il tema affrontato anche nell’ultimo libro del mese, Tutti giù per aria di Rosella Postorino: la protagonista inizia a vivere e a scoprire un universo proprio quando decide di buttarsi in qualcosa di nuovo, fuori dalle sue corde. Pur sapendo di non eccellere nella pallavolo, decide di provare, di accettare l’invito dei suoi compagni. Ciò che ne deriva è un’esperienza piacevole, foriera di scoperte e di conoscenze che la accompagneranno per tutta la vita. Ognuna di loro, infatti, le insegna ad amarsi così come è, con i propri pregi ma soprattutto con i propri difetti.

Così Funziona si getta nei problemi con lo stesso sguardo, quello di un bambino, ingenuo e volenteroso di cambiare le cose senza sapere come andranno. 

Funziona compie il viaggio che appartiene a ciascuno di noi: quello di scoprire chi siamo, qual è il nostro posto nel mondo e cosa desideriamo fare. In questa serie tutto ciò è affrontato in modo molto particolare, attraverso personaggi inconsueti. Se ci pensiamo, sicuramente li abbiamo incontrati (forse un po’ meno bizzarri!) dentro di noi o al di fuori. Quante volte vi siete trovati a dover ricoprire un ruolo importante e non vi venivano le parole nel modo giusto? Oppure avete affrontato situazioni in cui avrete sperimentato di essere più lenti degli altri o semplicemente curiosi di ciò che vi circonda anche se non lo conoscete?

La salita di Funziona verso i piano più alti è metaforica: rappresenta la crescita e al tempo stesso la presa di consapevolezza di alcuni aspetti, di noi stessi e del mondo che ci circonda, che ci fa avanzare e interrompere lo stato di indifferenziazione.

Le avventure precedenti dell’ing. Funziona

Se non hai ancora letto le precedenti avventure di Funziona, puoi trovarle in queste pagine: Giorno Uno, Giorno Due, Giorno Tre e Giorno Quattro. Se, come noi, hai il desiderio di conoscere l’autore che ha creato tutto ciò, potrai conoscere Gilberto Cavallina leggendo questa chiacchierata. Troverai l’ultimo volume della serie qui. Buona lettura!

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *