info@cuoridinchiostro.it

Toilets – Cristiana La Capria

Toilets – Cristiana La Capria

Toilets - Cristiana La Capria

Oggi parliamo di un romanzo recentissimo: pensate che è stato pubblicato a febbraio di quest’anno: meno di un mese fa! Stiamo parlando di Toilets, di Cristiana La Capria. Terzo libro dell’autrice, Toilets è un romanzo di quelli che sembra lasciarti l’amaro in bocca, mentre in realtà mostra la complessità delle relazioni umane.

Toilets, di Cristiana La Capria. Come mai questo titolo?

La protagonista di Toilets è una ragazza, giornalista e blogger. La conosciamo divisa tra il suo lavoro, la relazione traballante che ha in piedi con un uomo sposato, un lavoro saltuario come barista, la sua coinquilina, la loro micia (Miss Kipling due) ed il suo blog, che ha riscosso e continua a riscuotere successo. Indovinate un po’ come si chiama? Toilets, appunto! Toilets non è altro che un blog di recensioni di bagni di locali pubblici. Recensioni che non solo piacciono ai lettori di Toilets, ma che sono in grado di muovere clienti e avventori di bar e locali che spesso si dirigono verso locali per loro nuovi proprio per “testare” i loro bagni. Insomma, una bell’idea!

Dal licenziamento al nuovo lavoro, con Edna accanto

I problemi iniziano quando il giornale per cui la protagonista, Lisa, collabora la licenzia. Inizia così la fase della ricerca di un nuovo lavoro (devastante per tutti!), resa ancor più complicata dai problemi con la casa di riposo della mamma, in Inghilterra. Ci sono problemi di natura finanziaria tra case, fratelli, agenzie e inquilini che non pagano, così l’unica cosa da fare è volare in Inghilterra e portare la mamma, Edna, con sé. Tutto questo, proprio quando c’è in ballo un’offerta di lavoro, l’inizio (si spera) di una nuova collaborazione con una testata! Si tratta del reportage della festa di Sant’Anna, nell’isola di Ischia. Dove lasciare Edna? Nessuna struttura è disposta ad accoglierla, con pochissimo preavviso! Tra le due però non scorre buon sangue: capirete bene dunque la ritrosia di Lisa di portare l’anziana madre con sé. Questa sembra però essere l’unica soluzione.

Ischia, tra lavoro, madre e nuovi incontri

Il viaggio lavorativo ad Ischia non è così devastante come i più neri pronostici di Lisa predicevano. Edna e Lisa riescono, seppur con difficoltà, ad instaurare un dialogo, sebbene tra alti e bassi. Lisa inoltre conosce un uomo che sembra accoglierla e farla sentire amata. Cosa riserberà a Lisa la fine della parentesi ischiana? Edna e Lisa riusciranno a non litigare di nuovo? E l’uomo di cui Lisa si sta innamorando è veramente ciò che sembra?

Noi di Cuori d’inchiostro non vogliamo svelarvi altro! Se volete saperne di più, troverete Toilets di Cristiana La Capria, edito dalla Koi Press, qui. È disponibile sia in formato cartaceo che digitale. La versione digitale è inoltre gratuita!

Toilets, Cristiana La Capria: tra forze…

Cosa dire di Toilets, di Cristiana La Capria? Partiamo dalla trama: l’idea di presentare una protagonista dalla vita tutt’altro che facile, rosea e in discesa ci è piaciuta moltissimo. Lisa è una ragazza reale, che lotta quotidianamente per vivere tra sentimenti, impegni e scelte di vita. Insomma, abbiamo indubbiamente simpatizzato con lei. Anche la sua relazione con l’uomo “effimero”, che non la sceglierà mai, che scappa, che si fa desiderare… quante persone hanno, almeno una volta nella vita, vissuto un’esperienza simile? E sperimentato quel senso di impotenza, delusione e amaro in bocca che vive Lisa?

Passiamo al rapporto con la mamma. Leggendo il romanzo veniamo a conoscenza della vita tutt’altro che facile di Edna, e di come le sue scelte siano ricadute su suo marito e sui figli. Scopriamo anche come tutto ciò sia stato vissuto da Lisa, e di come quest’ultima sia cresciuta con una mamma che lei percepisce come giudicante costantemente. Scopriamo anche l’origine della familiarità di Lisa con i bagni! Punizione o rifugio? Insomma: anche questo rapporto Lisa-Edna non è idilliaco, ma è reale.

Tutto ciò porta ci porta a leggere non un romanzo di evasione, solare, effimero e palesemente zuccherino. Quanto piuttosto un romanzo realistico.

… debolezze e alternatività

Tutto quanto detto sopra è affiancato, però, da una descrizione dei personaggi poco profonda. Questi ultimi sembrano essere descritti con pennellate appena accennate. I cambi d’umore e di situazione a volte sembrano bruschi e il lettore ne rimane un po’ spiazzato.

Altro aspetto che ci ha trovate un po’ in difficoltà è un uso alternativo delle virgole. Alternativo, non errato, perché crediamo che tale uso differente da quello canonico sia voluto: virgole che concatenano frasi e periodi che generalmente sono separati da punti, due punti o altro. Sebbene tale punteggiatura, come dicevamo, è diversa da quella a cui siamo abituati, essa sembra conferire alla lettura un flusso simile a quello dei pensieri.

Se tutto ciò vi ha incuriosito, se volete conoscere Lisa, l’isola di Ischia con la sua festa di Sant’Anna, Edna… potete trovarle qui.

Letture affini a Toilets di Cristiana La Capria

Se siete alla ricerca di Romanzi Rosa, possiamo consigliarvi la serie di Fashion Love 1 e Fashion Love 2: trovate qui la nostra chiacchierata con Sara J. Del Consile! Abbiamo inoltre in cantiere la lettura del terzo e conclusivo volume della trilogia. Una storia d’amore famosissima è quella narrata da Apuleio in La Favola di Eros e Psiche. Storie d’amore realistiche sono invece le protagoniste di …e che Dio perdona a tutti, di Pif.

Buone letture!

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:

 

3 risposte

  1. Dani ha detto:

    La storia è originale. La relazione tra la madre e la figlia viene raccontata in profondità ma con parole lievi. Il ritmo è veloce, incalzante. Scritto benissimo.

  2. Gino ha detto:

    Ho letto il libro d’un fiato incuriosito dal titolo e dal tema “rapporto con la madre”, anche se il vostro ampio riassunto ha rischiato di “spoilerarlo”. Lo consiglio vivamente

  3. Aquilone ha detto:

    Ho letto il libro d’un fiato incuriosito dal titolo e dal tema “rapporto con la madre”, anche se il vostro ampio riassunto ha rischiato di “spoilerarlo”. La curiosa mania delle Toilets è l’occasione per scavare il rapporto per tutti originario con la “Madre”. E così scopriamo quanto le persone più care che ci hanno “messo” nel mondo sono anche quelle che ci hanno reso difficile “stare” nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *