info@cuoridinchiostro.it

Categoria: Horror

Duma Key - Stephen King

Duma Key – Stephen King

Sebbene chi scrive sia un’accanita lettrice del Re del brivido, Duma Key è il primo romanzo di Stephen King che trova spazio in Cuori d’inchiostro. Perché? Beh, prima di tutto perché King è un pilastro, e su di lui è stato già scritto moltissimo. È proprio per questo che abbiamo deciso di parlare di Duma Key, suo romanzo spesso passato in sordina.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:
Le Montagne della Follia - Howard Phillip Lovecraft

Le Montagne della Follia – Howard Phillip Lovecraft

Le Montagne della Follia di Howard Phillip Lovecraft come titolo a sé stante non riesce a brillare appieno. Risulta invece decisamente ben più apprezzabile se si riesce a cogliere l’aria impregnata dell’universo che l’autore si è creato intorno, grazie al Necronomicon.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:
Storie per chi non vuole dormire - Esteban Labruna

Storie per chi non vuole dormire – Esteban Labruna

Avete mai sentito parlare di creepypasta? Storie per chi non vuole dormire, di Esteban Labruna, è una raccolta di racconti creepypasta, incorniciate da una trama “superiore” che funge da filo conduttore. Avrete in mano, dunque, un romanzo contenente racconti, legati da un filo conduttore: l’essere basati su leggende metropolitane e spaventare il lettore. Ed in questo Esteban Labruna ci riesce benissimo.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:

Dracula – Bram Stoker

Chi non conosce il terribile mostro che abita nel castello in Transilvania? Ci sono tante leggende, libri, film e fantasie sul vampiro più famoso del mondo.  Eppure, la lettura del libro “Dracula” di Bram Stoker potrebbe sorprendervi. Il romanzo Forse non tutti sanno che è un romanzo epistolare; utilizzando infatti l’espediente di lettere e diari…
Leggi tutto

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi:

Frankenstein – Mary Shelley

In parte grazie alle numerose trasposizioni cinematografiche, Frankenstein di Mary Shelley è un classico dell’immaginario comune. Chi non ha in mente una sorta di zombie dalla pelle grigiastra e dalla fronte alta, squadrata e spaziosa e dalle ridotte capacità di linguaggio? Beh, e se vi dicessimo che in realtà “il mostro” è profondamente diverso da tutto ciò, in grado di imparare, provare sensazioni umane, formulare pensieri complessi?

Se ti è piaciuto questo articolo, condividi: